JTNDJTIxLS0lMjBFTUJFRCUyMHBsYXllciUyMFZPRCUyMC0tJTNFJTBBJTNDaW5zJTNFJTBBJTIwJTIwJTIwJTIwJTNDcCUyMGNsYXNzJTNEJTIyc2hhYUNvbnRhaW5lciUyMiUzRSUwQSUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUzQ2lmcmFtZSUyMHRpdGxlJTNEJTIyc2hhYSUyMHBsYXllciUyMiUyMGlkJTNEJTIyaWZyYW1lX3NoYWElMjIlMEElMjAlMjAlMjAlMjBzcmMlM0QlMjJodHRwcyUzQSUyRiUyRmZkMWM0YTFmOWI2MWMyYWFmMTE4LTVkMjk3NTg3ZmVhMWYwZDlhZTZjMDhkNjYyNmRkMTA2LnNzbC5jZjMucmFja2Nkbi5jb20lMkZzcG9ydHUlMkZ2NC4xJTJGc2lfcGxheWVyJTJGZnJhbWUuaHRtbCUzRmVudHJ5aWQlM0RlX3hoMW5rZ3U3JTI2YWNjb3VudGlkJTNEMTAxNjElMjZjb25maWd1aWlkJTNEdF81cWx0dm5yZ19jXzI4ZmtqZHhzJTI2aXNwbGF5bGlzdCUzRGZhbHNlJTI2aXNzcGMlM0RmYWxzZSUyNm1lZGlhdHlwZSUzRHZpZGVvJTI2aWQlM0RlX3hoMW5rZ3U3JTI2cGQlM0RodHRwJTNBJTJGJTJGbG9jYWxob3N0JTI2dGhpcmRwYXJ0eSUzRHRydWUlMjZtcDQlM0RodHRwcyUzQSUyRiUyRnd3dy5zcG9ydDJ1LnR2JTJGd3AtY29udGVudCUyRnVwbG9hZHMlMkYyMDIyJTJGMDglMkZQUk9NTy1Eb3BvLWRpLU5vaS1Ub3JyaS1kaS1NZXp6YW5vLWNvcnJldHRvX0RJUlRZLm1wNCUyNnBvc3RlciUzRGh0dHBzJTNBJTJGJTJGd3d3LnNwb3J0MnUudHYlMkZ3cC1jb250ZW50JTJGdXBsb2FkcyUyRjIwMjIlMkYwOCUyRkRvcG8tZGktTm9pLVRvcnJpLWRpLU1lenphbm8tY29ycmV0dG8ucG5nJTIyJTBBJTIwJTIwJTIwYWxsb3clM0QlMjJmdWxsc2NyZWVuJTIyJTBBJTIwJTIwJTIwZnJhbWVib3JkZXIlM0QlMjIwJTIyJTBBJTIwJTIwJTIwc2Nyb2xsaW5nJTNEJTIybm8lMjIlMjBzdHlsZSUzRCUyMndpZHRoJTNBJTIwMTAwJTI1JTNCJTIwaGVpZ2h0JTNBJTIwMTAwJTI1JTNCcG9zaXRpb24lM0ElMjBhYnNvbHV0ZSUzQnRvcCUzQSUyMDAlM0IlMjBsZWZ0JTNBJTIwMCUzQiUyMiUzRSUzQyUyRmlmcmFtZSUzRSUwQSUyMCUyMCUyMCUyMCUzQyUyRnAlM0UlMEElMjAlMjAlMjAlMjAlM0NzdHlsZSUzRSUwQSUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMC5zaGFhQ29udGFpbmVyJTIwJTdCJTBBJTIwJTIwJTIwJTIwJTIwJTIwJTIwJTIwJTIwJTIwJTIwJTIwcG9zaXRpb24lM0ElMjByZWxhdGl2ZSUzQndpZHRoJTNBJTIwMTAwJTI1JTNCaGVpZ2h0JTNBJTIwMCUzQnBhZGRpbmctYm90dG9tJTNBJTIwNTYuMjUlMjUlM0J0b3AlM0ElMjAwJTNCJTdEJTBBJTIwJTIwJTIwJTIwJTNDJTJGc3R5bGUlM0UlMEElMjAlMjAlMjAlMjAlMjAlMjAlMjAlMjAlM0Nub3NjcmlwdCUzRSUwQSUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUyMCUzQ3AlM0VQbGVhc2UlMjBBY3RpdmF0ZSUyMEphdmFzY3JpcHQlMjBmb3IlMjB0aGUlMjB2aWRlbyUyMHBsYXliYWNrLiUzQyUyRnAlM0UlMEElMjAlMjAlMjAlMjAlMjAlMjAlMjAlMjAlM0MlMkZub3NjcmlwdCUzRSUwQSUyMCUyMCUyMCUyMCUzQyUyRmlucyUzRSUwQSUzQyUyMS0tJTIwZW5kJTIwU0hBQSUyMC0lMjBwbGF5ZXIlMjBlbWJlZCUyMGNvZGUlMjAtLSUzRQ==

10^ edizione della camminata ‘’Dopo di Noi’’ che torna dopo due anni di fermo nella casa dei ‘’Torrini ‘’ i meravigliosi ospiti speciali di queste ex scuole materne che hanno trovato una seconda vita e loro riutilizzi nel segno della crescita e della tutela della vita.

La Fondazione Dopo di Noi nasce a Ravenna nel 2002 proprio per un intervento di tipo socio-sanitario e di solidarietà sociale, con il concorso di risorse pubbliche e private, dal comune obiettivo di famiglie di disabili del volontariato e dell’associazionismo, per la volontà di Associazioni familiari disabili, Provincia e Comune di Ravenna, Comune di Russi, Comune di Cervia, Cooperative Sociali, Cooperative di produzione e lavoro, Associazioni di categoria, Ausl di Ravenna e Collegio Infermieri.

L’idea del “Dopo di Noi” è una idea di solidarietà speciale, che significa coraggio, cura e responsabilità. E’ il coraggio dei familiari di pensare ad un tempo lungo che va oltre la quotidianità. E’ la cura intesa non come condizione di dipendenza ma come possibilità di emancipazione e crescita per il disabile.

E’ la consapevolezza che l’assistenza non riguarda solo lo stretto cerchio della sua famiglia ma è una responsabilità della comunità.

La Fondazione Dopo di Noi è attualmente gestita dalla Cooperativa San Vitale di Ravenna e con grande entusiasmo e passione tutti espressi dalla loro presidentessa.  Ma torniamo alla camminata ed al numero dei partecipanti a questa festa solidale del podismo per i Torrini che è stato davvero notevole considerando il  post Covid: oltre 600 i partecipanti , ed oltre 2000 € raccolti( tra iscrizioni, panini, piadine e pizze fritte oltre che ottimi dolcetti acquistai di chi ha partecipato ) e devoluti totalmente a favore della Dopo di Noi e dei Torrini, i loro specialissimi ospiti che, ricordiamoci, hanno sempre! bisogno del nostro aiuto.

IN SINTESI DI QUANTO VEDRETE ED ASCOLTERETE  “Dopo di Noi” è la capacità e la sfida di andare oltre il presente e al di là dell’individualità, nel respiro più ampio di uno sviluppo sociale sostenibile che sappia a accogliere e valorizzare le diversità al suo interno.

Rispondi